Comprare una bici usata

L’autunno inoltrato e l’inverno progressivamente tolgono spazio alla mountain bike “pedalata” e spesso è in questo periodo che si fanno progetti per la primavera/estate successiva. A volte si inizia a pensare ad una bici nuova, magari dando anche un’occhiata alle occasioni sui mercatini dei vari forum per vedere se ci scappa l’affare su qualche bici da sogno usata.

Ma cosa comporta acquistare una bici di seconda mano? A cosa dobbiamo stare attenti? Vediamolo brevemente.

Dove trovare la bici

Attenzione prima di tutto alla provenienza della bici: acquistare una bici rubata significa rischiare di andare nel penale per ricettazione. Accertatevi quindi della provenienza della bici.

In Italia si trovano bici usate sui due grandi forum mtb-forum.it per la mountain bike e bdc-forum.it per la bici da corsa. Anche adessopedala.com ha molti annunci ma solitamente gli appassionati che vendono una bici qui l’hanno in vendita anche sui due forum. Eviterei eBay ed eBay Annunci perché è più facile imbattersi in bufale, tarocchi etc. anche se gli stessi forum periodicamente hanno di questi problemi.

Controlliamo la bici

Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio: sia che andiamo in negozio o che troviamo un’offerta online dobbiamo guardare e toccare con mano la bici. Da controllare sono in particolare

  • il telaio nei pressi delle saldature principali (sterzo, movimento centrale) e nei punti di snodo dell’eventuale sospensione per verificare che non ci siano cricche/crepe o altro.
  • forcella ed eventuale ammortizzatore: proviamo a farli lavorare ed assicuriamoci che non ci siano trafilature d’olio. In caso di difetti a questi componenti il conto per una riparazione può essere piuttosto salato
  • i freni: in particolare in caso di freni idraulici controllare che la frenata sia decisa e che la leva non sia spugnosa, in questo caso 99 volte su 100 uno spurgo toglie il problema ma potrebbe essere un motivo di contrattazione del prezzo
  • i cavi cambio/freno: se le guaine sono rovinate preventivate già la loro sostituzione, non c’è nulla di più deleterio per lo scorrimento di una guaina sfilacciata in cui ormai è entrato di tutto e di più
  • ruote: la centratura è importante per capire se i cerchi hanno preso botte, facendo un giretto dovreste capire se la ruota è in buone condizioni o se è “da buttare”

Quanto spendere

Non esiste una regola. Nel 1992 una bici di media gamma (1.200.000 Lit.) veniva venduta alla metà del prezzo. Oggi forse si chiede qualcosa di più. Come nel mercato automobilistico, ci sono case che tendono ad avere una tenuta del prezzo migliore (es. Specialized, Cannondale, Trek, Sana Cruz, Intense, Rocky Mountain) ed altre che si svalutano in fretta (mi viene in mente FRW ma anche Mondraker almeno fino al 2010).

Certo se una bici costa 3000,00 € da nuova non aspettatevi di prenderla a 500,00 €. La cosa migliore è cercare di confrontare offerte simili e contrattare in particolare dopo avere visto con mano la bici ed aver visto se ci sono interventi da fare.

Una regola che vale anche per le bici nuova: se avete un negozio di fiducia provate a fare anche un salto da loro e se per una bici simile il prezzo è più alto provate a contrattare con loro: il servizio del negozio di fiducia è spesso un aspetto sottovalutato specialmente da chi si avvicina al mondo a due ruote ma spesso vi dà davvero qualcosa in più di quella piccola differenza con il prezzo che avete trovato online.

Post acquisto

Avete deciso di acquistare la vostra bici usata. Nel caso abbiate trovato la bici su un forum da un privato, prima di chiedere un incontro con il venditore chiedetevi un’ultima cosa. La lascio per ultima ma forse è la più importante. Siete pronti a fare a meno del meccanico? Cioè: quando comprate una bici in negozio gli lasciate una bella mazzetta di soldi e giustamente lui vi dà dei servizi aggiuntivi (es. primo “tagliando” gratis, un borsello o un accessorio, etc.). Tutto questo acquistando da un privato non esiste ovviamente.

Chi si arrangia nella manutenzione è sicuramente avvantaggiato in questo tipo di acquisto mentre personalmente lo sconsiglio a quelli a cui non piace metter mano da soli alla propria bici.

La mia esperienza

Ho acquistato nella mia vita un totale di 4 bici di cui 2 usate, una nuova e una di cui ho acquistato il solo telaio che poi ho assemblato con pezzi di recupero. La mia esperienza è sicuramente positiva, a partire dal primo amore, la mia Specialized Rockhopper bianca che avevo da ragazzino, la mia prima mountain bike vera fino ad arrivare alla mia attuale mtb, una Mondraker Foxy del 2009, passando per la Cannondale da strada.

L’unico acquisto sbagliato è il telaio ma c’è un perché: ero giovane e squattrinato perciò volevo risparmiare a tutti i costi. A chi si trovasse nella stessa situazione consiglio di aspettare oppure fare un piccolo sacrificio in più e buttarsi ad esempio su un telaio On One o altri disponibili online in Europa (evitate cose dall’Asia se non siete pratici con dogane etc. perché rischiate alla fine di pagare un telaio economico come se fosse un telaio di media gamma).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *